gruppo citrigno
L'ora della Calabria Online
gruppo citrigno
Reggio Calabria: seminario “Comuni per l’Acqua Pubblica: istruzioni per l’uso”
  • 08/11/2013 -
  • >Reggio Calabria
Reggio Calabria: seminario “Comuni per l’Acqua Pubblica: istruzioni per l’uso”

Sarà un’intensa giornata quella di venerdì 8 novembre per le associazioni e i movimenti impegnati nella difesa dei beni comuni e per una loro gestione pubblica e partecipata.

Dalle 10.30 nell’Aula Giuditta Levato di Palazzo Campanella, sede del Consiglio Regionale della Calabria, avrà inizio il seminario “Comuni per l’Acqua Pubblica: istruzioni per l’uso”. L’iniziativa, promossa dal Coordinamento calabrese Acqua Pubblica Bruno Arcuri e dal Forum nazionale dei Movimenti per l’Acqua, si pone come obiettivo quello di mostrare agli amministratori locali calabresi come sia possibile intraprendere percorsi di rottura con le vecchie modalità di gestione del comparto idrico, affidato nelle mani dei privati, avviando processi virtuosi a difesa del bene acqua e delle tasche dei cittadini. I lavori vedranno la presenza di Corrado ODDI, del Forum nazionale dei Movimenti per l’Acqua, Alberto LUCARELLI, ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico all’Università Federico II di Napoli e di Mario Albino GAGLIARDI, sindaco di Saracena (CS) comune che gestisce il servizio idrico e della raccolta dei rifiuti attraverso un’azienda speciale.

Alle 16.30 ci si sposterà a Villa San Giovanni, al c.s.c. Nuvola Rossa in via II settembre, per affrontare invece la delicata problematica della gestione dei rifiuti, tematica che tanti punti comuni ha con quella del servizio idrico. Lo stesso Coordinamento “Bruno Arcuri”, la Rete per la difesa del Territorio “Franco Nisticò”, Legambiente, Italia Nostra Calabria, Isde Italia – Medici per l’ambiente Calabria,  Forum Ambientalista Calabria, WWF Calabria e ARCI Calabria hanno infatti promosso un incontro per proseguire il percorso avviato nel settembre scorso, volto a promuovere un diverso approccio, politico e culturale, nella gestione dei servizi pubblici locali in Calabria, a partire dal contrasto alle linee guida per il nuovo Piano regionale dei rifiuti, così come alla proposta di legge per il riordino del settore, attraverso le quali la classe dirigente calabrese continua a inseguire quei modelli che tanti danni hanno provocato nella nostra regione.

redazione
© RIPRODUZIONE RISERVATA